Facebook: cosa cambia con l’audience optimization

  • 20 febbraio 2016
  • Blog
No Comments

Facebook Non dovremmo chiamarle rivoluzioni quelle lanciate da Mark Zuckeberg in casa Facebook perché nemmeno il tempo di scoprirle, presentarle e approfondirle che, senza soluzione di continuità, siamo già pronti per accoglierne una nuova. Tool, impostazioni e strumenti  si rincorrono e spesso diventa difficile mantenere un passo così sostenuto nella corsa all’ultimo aggiornamento. Ma per non perdervi intanto la recente novità introdotta dal social network più chiacchierato vi raccontiamo il nuovo Audience optimization. Cosa è, cosa cambierà e quali saranno i benefici per gli amministratori ed editori delle pagine con il nuovo strumento.

Audience optimization, cos’è?

L’audience optimization è il nuovo strumento lanciato da Facebook che permetterà agli amministratori delle pagine, per ora solo in inglese e con un numero maggiore di 5000 fans, di identificare con ancora più facilità il proprio pubblico indirizzando i post attraverso tag di interesse ancora più specifici. Per attivarlo bisognerà andare sulla propria pagina, cliccare su Settings, poi General e cercare Audience Optimization for posts ed infine cliccare su Edit. Facebook prosegue così a suon di algoritmi alimentati da tag, like e interessi la sua ricerca del profilo, o meglio fa, perfetto aspetto fondamentale per la potenza racchiusa nel social network per le aziende di promuovere la propria attività e brand.

Audience optimization, cosa cambia?

In realtà chi conosce bene la gestione e la creazione delle inserzioni su Facebook sa che un aspetto analogo esiste già all’interno del social network ma è chiaro che l’obiettivo sia quello di restringere sempre più capillarmente la lista delle abitudini, di tag e interessi del popolo social. Il normale utente presente su Fb con il proprio diario non risentirà questa rivoluzione in maniera attiva ma solamente passiva in quanto, se tutto si svolge secondo i corretti algoritmi, si troverà sulla propria bacheca sempre più post inclini ai propri interessi e sempre meno sponsorizzazioni che non lo riguardano. Rivoluzione invece per gli amministratori delle pagine perché potranno così sfruttare le tre opzioni del tool e indirizzare al meglio il proprio post.

Le opzioni dell’audience optimization

Il tool si articola in tre opzioni:

  • Preferred audience: permette all’amministratore della pagina di individuare i tag relativi ad interessi e contenuti specifici volti alla promozione.
  • Audience restriction: offre la possibilità di limitare la visibilità di un post in base a localizzazione, lingua, età e sesso.
  • Audience insights: fornisce le statistiche sulle performance di visibilità dei contenuti permettendo così di correggere strategia e raggiungere gli obiettivi più facilmente.

 

 

 

Iscritti alla nostra newsletter

Richiedi un'analisi gratuita

Hai un progetto web e vuoi un nostro parere sulle possibilità? Contattaci per una valutazione gratuita e senza alcun impegno

Altri aggiornamenti dal nostro blog

Guarda tutti i nostri post